<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=626963990746485&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

3 consigli da seguire durante l’allattamento del neonato

Regole generali (e qualche falso mito sfatato) per allattare serenamente.

Scritto da Miniland

settembre 18, 2017

Tempo di lettura: 3 minuti

L’allattamento è un’attività assolutamente naturale, ma qualche accorgimento è necessario. Segui i nostri suggerimenti!

  • L’allattamento è un momento speciale, in cui l’intimità tra la mamma e il suo bambino raggiunge il culmine.


In questa fase capita spesso che le mamme vengano colte da dubbi e da perplessità: starò allattando nel modo corretto? Il mio bambino sta mangiando abbastanza? Il mio stile di vita compromette la qualità del latte?

Tutte domande assolutamente lecite, ma ricordati: l’allattamento è un’attività assolutamente naturale e, salvo complicazioni particolari, tutto si svolgerà nel modo giusto senza che tu te ne renda conto.

Sull’allattamento del neonato si è detto e scritto di tutto, e certe false credenze sono talmente radicate che vengono scambiate per vere. Di seguito troverai alcuni consigli su come gestire questa fase - delicata ma bellissima - della tua vita di mamma.

 

Le regole base per l’alimentazione della mamma

Sono tanti i miti da sfatare che riguardano l’alimentazione durante l’allattamento. Ad esempio, si ritiene che i cibi dal sapore forte (broccoli, cavolfiori e piatti speziati) debbano essere evitati. È vero, il bambino all’inizio potrebbe “non gradire” i cibi saporiti, ma se questi vengono introdotti in modo graduale a poco a poco il piccolo si abituerà. È necessario invece prestare attenzione ai latticini: se ne consumi troppi potresti avere mal di pancia e reflusso, e il bambino potrebbe provare qualche fastidio perché parte delle proteine del latte vaccino vengono assorbite dal latte materno.

Un’altra falsa credenza è quella in base alla quale le mamme che allattano devono “mangiare per due”. La quantità consigliata è di 600/700 calorie, per cui è sufficiente assumere uno spuntino in più per raggiungere il giusto equilibrio.

Infine, un’ultima raccomandazione: evita l’alcol. Anche se assunto in piccole quantità può passare nel latte con conseguenze negative per il neonato.

3 consigli da seguire durante l’allattamento del neonato

 

Sport? Si può fare!

Sì, anche questo è uno dei luoghi comuni più diffusi sull’allattamento! Spesso le mamme si sentono dire che l’acido lattico prodotto dai muscoli quando si fa attività fisica rende il latte materno aspro e poco gradito al piccolino. In realtà, uno studio condotto negli Stati Uniti sembrerebbe smentire questa diceria.

È stato dato a dei bambini il latte delle loro mamme dopo che queste avevano fatto dello sport: i piccoli hanno bevuto senza problemi, dimostrando di gradirlo come quello prodotto prima dell’attività fisica. L’esercizio di moderata e media intensità non aumenta l’acido lattico nel latte; lo aumenta un po’ l’esercizio intenso, ma non ci sono conseguenze per il bambino. Se quindi vuoi ricominciare a fare attività fisica durante l’allattamento non ci sono problemi!

 

Allattamento al lavoro: tutte le regole

Sei una mamma lavoratrice? Con qualche accorgimento è possibile tornare tranquillamente al lavoro. Ecco qualche consiglio:

  • Non anticipare lo svezzamento: tuo figlio recupererà la poppata nelle ore passate insieme. L’importante è continuare ad allattare a richiesta quando sei con lui.
  • Dopo i primi giorni di rientro può essere necessario premere il seno per svuotarlo dal latte in eccesso; in alternativa, puoi indossare delle coppette assorbilatte per evitare di macchiarti i vestiti. Non preoccuparti: con il tempo la produzione di latte si regolerà da sola.
  • Puoi anche decidere di portarti un tiralatte in ufficio e congelare il latte materno. Se conservato correttamente, la baby sitter o i nonni potranno somministrarlo al bambino quando tu sei impegnata.

E nel caso di dubbi… una visita dal medico è sempre la scelta migliore!


Alimentazione Miniland