<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=626963990746485&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

Camminare con i bambini: ecco perché fa così bene

Un toccasana per i bambini (e per le mamme!) Ecco i vantaggi delle passeggiate all’aria aperta.

Scritto da Miniland

maggio 17, 2017

Tempo di lettura: 3 minuti

Fuori il sole splende e hai un po’ di tempo da dedicare interamente al tuo bimbo? Allora portalo fuori a fare una bella passeggiata!

Ormai non ci sono più dubbi: una passeggiata all’aria aperta fa bene, anzi benissimo, anche ai bambini molto piccoli.


 

Quando il piccolo non sa ancora camminare, portarlo insieme a te in marsupio o in passeggino è l’ideale per rafforzare il suo sistema immunitario. Se ha già mosso i primi passi, invece, andare a spasso aiuterà il bimbo a prendere dimestichezza con il proprio corpo e a perfezionare la camminata.

Camminare con i bambini è davvero semplice. Lo si può fare ovunque, in città e in campagna, anche se la soluzione ideale è camminare nella natura: oltre ai benefici fisici, infatti, è possibile ottenere anche una vasta gamma di vantaggi a livello mentale e cognitivo.

Vediamo nel dettaglio alcuni tra i miglioramenti che il tuo bambino può ottenere facendo passeggiate con regolarità.

Camminare con i bambini: ecco perché fa così bene

  • Rende più calmi

Camminare è un ottimo modo per scaricare le energie. Un bimbo che cammina un po’ tutti i giorni è più rilassato rispetto a uno che invece si muove di meno.

Questo ha conseguenze positive anche sulla durata e sulla qualità del sonno: il tuo piccolo dormirà di più e meglio.

  • Sviluppa l'indipendenza

Durante il cammino, fai prendere a tuo figlio delle decisioni sulla strada da percorrere. Piccole scelte, ma importanti per la sua crescita. Proseguire o fermarsi? Andare dritto o tornare indietro? Camminare lentamente o correre? Senza rendersene conto, il tuo bimbo comincerà ad assumersi le prime responsabilità, e a stare più attento a ciò che lo circonda.

  • Migliora l'umore

Aria fresca e sole caldo sono un toccasana per l’umore: il piccolo sarà più allegro e felice, anche perché comincerà a fare esperienza delle prime sensazioni tattili, dei primi rumori, dei colori naturali dei fiori e degli alberi.

  • Tonifica tutto il corpo

Inutile dire che anche i vantaggi per il corpo sono tantissimi. Camminando, il bambino fortifica i muscoli di gambe, piedi e braccia, migliora la postura e, a lungo termine, riesce a sviluppare meglio le capacità cardiache e respiratorie.

  • È un importante momento di condivisione con il tuo bambino

Ti renderai presto conto di quanto i pomeriggi trascorsi a passeggiare con il piccolo siano speciali. La camminata è un momento sereno e di condivisione, in cui tu e il bimbo avete la possibilità di instaurare un legame forte e intimo.

E se il tuo piccolo fa i capricci al grido di “Mamma, sono stanco di camminare”? Non si può convincere un bambino a concludere la passeggiata. Al massimo, lo si può invogliare. Ad esempio, camminare un po’ tutti i giorni lo aiuterà a “restare in allenamento” e ad avvertire meno la stanchezza.

Inoltre, ricordati che la passeggiata non deve essere un obbligo, ma un piacere. Trasformala in un gioco, e il tuo piccolo non vedrà l’ora di uscire a camminare. Qualche spunto? Puoi inventare una “caccia al tesoro”, invitando il tuo bimbo a trovare lungo il cammino determinati oggetti (un fiore, un rametto d’albero...), oppure puoi raccogliere sassolini e foglie e, una volta arrivati a casa, invitare il bambino a colorarli con tempere e pennarelli. E perché non passeggiare cantando la sua canzoncina preferita? Il tempo passerà senza che se ne accorga!

Meglio senza scarpe!

Camminare fa bene, camminare in mezzo alla natura ancora meglio, e… camminare in mezzo alla natura a piedi nudi è davvero il massimo!

È opinione ampiamente condivisa tra pediatri, podologi e specialisti che la camminata a piedi nudi assicura al piccolo una vasta gamma di vantaggi. Tra loro, il ricercatore americano Daniel Howell, autore di The Barefoot Book, afferma che “le scarpe alterano la forma naturale del piede e modificano l’andatura”.

Pertanto, in una fase così delicata come è quella della prima infanzia, in cui il corpo si sta ancora sviluppando, camminare senza scarpe può aiutare i piedini del tuo piccolo a crescere nel modo più adeguato.

In particolare, camminare a piedi nudi sull’erba e sulla sabbia (terreni cedevoli e con asperità), permette ai muscoli della gamba di potenziarsi e al piede di svilupparsi meglio. Il piede, infatti, è l’organo propriocettivo per eccellenza: è cioè capace di percepire e riconoscere la propria posizione nello spazio e lo stato di contrazione dei propri muscoli, anche quando non c’è il supporto della vista.

Ecco i benefici della camminata a piedi nudi:

    • Contrasta i piedi piatti: camminare a piedi scalzi fin da piccoli aiuta a sviluppare un piede sano: non essendo costretta dentro la scarpa, la volta plantare può assumere la forma corretta.
    • Aiuta la circolazione
    • Rafforza la muscolatura
    • È un antistress naturale: la pianta del piede è piena di terminazioni nervose. A contatto diretto con il terreno, il piede trasmette una sensazione di benessere in tutto il corpo.

 

Insomma, camminare con i bambini fa bene, sia a te che a loro. Approfitta della primavera e dell’estate per passeggiare insieme: li aiuterai a crescere forti, sani e felici!


 

Alimentazione Miniland