<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=512899172469810&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

Che cos’è il Baby Led Weaning? Le caratteristiche dello svezzamento “autogestito”

Scopri in che cosa consiste questa particolare tecnica di svezzamento.

Scritto da Miniland

febbraio 12, 2018

Tempo di lettura: 3 minuti

L’alimentazione complementare gestita dal bambino, nota come Baby Led Weaning, sta riscuotendo sempre più successo. Analizziamo meglio questa tecnica e scopriamo le sue caratteristiche principali.

Il tuo bambino sta per compiere 6 mesi e stai pensando di provare con il Baby Led Weaning? Oppure non hai mai sentito parlare di questa tecnica?


Per chi non lo conoscesse, il Baby Led Weaning - che letteralmente significa “svezzamento gestito dal bambino” - è un tipo di svezzamento nel quale il bimbo viene lasciato libero di sperimentare con il cibo, in modo che scopra da solo sapori, gusti e consistenze. Il principio alla base del BLW è che il bambino, nel momento in cui bisogna integrare i cibi solidi nella sua dieta, è in grado di decidere in autonomia tempi e modalità con cui alimentarsi, un po’ come avviene con l’allattamento a richiesta.

In parole povere, il piccolo deve essere in grado di “mangiare da solo”. I genitori cucinano il cibo a vapore per renderlo morbido, lo tagliano a pezzetti e lo posizionano di fronte al bambino, alla sua portata, in modo che il piccolo sia in grado di afferrarlo da solo e portarlo alla bocca. Insomma, un vero e proprio svezzamento autogestito!

Baby led weaning

Baby Led Weaning: le caratteristiche principali

Per capire se il Baby Led Weaning fa per te e per il tuo bambino, ti elenchiamo le sue caratteristiche principali.

  • I requisiti necessari per iniziare con il BLW sono due: il piccolo deve saper stare seduto da solo e deve mostrare interesse per il cibo.
  • Devi avere molta, molta pazienza e mantenere la calma. Durante i primi tentativi, infatti, capita spesso che il piccolo produca dei rumori simili a conati di vomito e che tossisca. Non c’è di che allarmarsi. È un processo fisiologico: il bambino non è abituato a cibi solidi e, quando questi entrano in contatto con l’epiglottide, la reazione spontanea è la tosse. Inoltre, all’inizio, le quantità di cibo che il piccolo riuscirà a mangiare saranno ridotte: non avendo ancora i dentini, la masticazione è più difficile e faticosa. Per questo è necessario stare sempre vicino al piccolo quando mangia e controllare che il suo peso sia nella norma.

Forse all’inizio potrai fare un po’ fatica, ma i vantaggi sono più di uno:

  • il BLW aumenta l’autonomia del bambino, che impara a scoprire da solo gli alimenti e ad apprezzarli.
  • Il bambino mangia esattamente quello di cui ha bisogno. Sa quando la bocca è troppo piena e capisce quando è sazio.
  • La dieta del piccolo diventa subito molto varia e comprende alimenti dalle consistenze diverse.
  • Il piccolo si integra con maggiore rapidità e coinvolgimento nella vita famigliare. È seduto a tavola con i genitori e mangia con loro, quasi come se fosse un adulto.

Alimentazione per bambini di 6 mesi

Se decidi di adottare il BLW, può essere molto utile l’impiego di un robot da cucina come Chefy 5, che permette di cucinare al vapore carne e verdura e di conservare intatte le proprietà nutritive contenute nei cibi.

Quali sono gli alimenti da introdurre durante il BLW? Tra i 6 e gli 8 mesi puoi cominciare con la frutta come la pera, la verdura (tranne quella a foglia verde), e carni (pollo, agnello e vitello. Tra gli 8 e i 12 mesi, invece, si possono introdurre il pesce, le uova e la carne di maiale. Dai 12 mesi in su, via libera ai legumi.

Ecco qualche idea da realizzare con Chefy 5:

  • Mix verde di verdure e pollo, da realizzare con broccoli, fagioli, pollo e patate al vapore.
  • Mix arancione di verdura e vitello, da realizzare con carota, zucca, vitello e patate al vapore.
  • Bollito, da realizzare con patate, cipolle, fagioli e carote.

La regola più importante da seguire nell’alimentazione per i bambini di 6 mesi è di introdurre i cibi uno alla volta: in questo modo potrai accorgerti subito se il tuo bambino ha qualche intolleranza. Se noti qualche anomalia, rivolgiti al pediatra per toglierti ogni dubbio!

Scarica il ricettario di Chefy 5 e scopri tutte le altre ricette che puoi preparare al tuo bambino!


Alimentazione Miniland