<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=512899172469810&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

Il bagnetto che passione

Consigli per trasformare il bagnetto del bebè in un piacevole momento di relax, gioco e divertimento

Scritto da Miniland

luglio 3, 2020

Tempo di lettura: 3 minuti

Acqua calda ma non troppo, prodotti di detersione delicati, termometro, una morbida spugna, giochini e altri must have per organizzare il rito del bagnetto

Un bel bagnetto tiepido e profumato non è solo un piacevole rito di pulizia o il preludio alla nanna della sera, ma può trasformarsi in un vero momento di gioco e di coccola, che aiuta a creare un legame profondo per mamma e bambino!
Specialmente in estate riscoprire il lato ludico e coccoloso dell’operazione-bagnetto può riservare davvero delle piacevolissime sorprese.
Ecco i nostri consigli per farlo al meglio, in tutta sicurezza e con tanto divertimento.

Quando fare il primo bagnetto a un neonato?


Secondo pediatri ed esperti, il primo bagnetto completo di un neonato andrebbe fatto solo una volta caduto il cordone ombelicale (di solito intorno al 10°- 15° giorno di vita), perché fino ad allora l’acqua impedirebbe il processo di cicatrizzazione del moncone. Dopo quel momento in poi, via libera al bagnetto vero e proprio!

Qual è l’orario migliore per il bagno del bebè?


L’orario più indicato per il bagnetto è la sera, possibilmente prima della pappa. Il calduccio e il rumore rilassante dell’acqua, insieme ai profumi delicati dei detergenti e alle coccole, è un invito per i piccoli (ma anche per noi mamme) a calmarsi e rilassarsi dopo le fatiche della giornata, per prepararsi all’ora della nanna. Dopo tante ore al caldo e all’afa, l’appuntamento con l’acqua è particolarmente piacevole e rinfrescante. In inverno, invece, sarà un modo per riscaldarsi e coccolarsi dopo tanto freddo accumulato.

Cosa serve per il bagnetto perfetto?


Per prima cosa bisogna creare un’atmosfera adatta nella stanza da bagno: il giusto tepore (intorno ai 22° ), gli asciugamani morbidi e una luce soffusa. Con i neonati che ancora non stanno seduti si può decidere di usare una vaschetta specifica per bebè, oppure una sdraietta da bagno, mentre ai più grandicelli piacerà molto sguazzare nella vasca da bagno in compagnia di spugne e giochini tipo spruzzi e paperette.

Quanto deve essere calda l’acqua del bagnetto?


La temperatura ideale dell’acqua deve restare intorno ai 36°-37°, ossia il più vicino possibile a quella corporea: si consiglia di utilizzare un termometro per il bagnetto per essere sicuri di non sbagliare. Un bagno troppo caldo è pericoloso, per un neonato, ma anche uno eccessivamente freddo non è certo piacevole!

L’importanza di giochi e accessori per un bagnetto spenseriato e divertente


Il bath kit di Miniland è un simpatico set completo da bagno e doccia che contiene un termometro a forma di tigre, una divertente spugna da bagno (in cotone e fibra naturale al 100%) a forma di gufo e 2 animaletti in gomma, un orso polare e un ippopotamo, pronti a diventare i migliori amici del tuo piccolo durante il bagnetto. Scegliere un termometro galleggiante e colorato, ci permette di unire l’utile al dilettevole, predisponendo il nostro piccolo al gioco già mentre misuriamo l’acqua. Gli oggetti che accompagnano il rituale di pulizia diventeranno giorno dopo giorno più familiari al bambino e vi aiuteranno a creare per lui una routine giornaliera davvero utile e rassicurante.

 

animali in gomma, spugna gufetto e termometro gatto del bath kit miniland

confezione bath kit miniland

 

I nostri consigli finale per un bagnetto perfetto


A questo punto non vi resterà che da aggiungere all’acqua un detergente anallergico super delicato e oleoso con PH adatto alla pelle delicata dei più piccoli e con un profumo quasi impercettibile. In estate è particolarmente indicato l’amido di riso, da aggiungere in vasca per un effetto super-rinfrescante e per calmare eventuali irritazioni cutanee dovute all’eccessiva sudorazione.

E se il bimbo inizialmente non ama l’acqua? Niente panico!

Mamma rilassata, bebè rilassato è una frase banale ma alquanto veritiera.
Cercate dunque di non avvicinarvi al momento del bagnetto piene di ansia e stress, perché i neonati purtroppo hanno il radar per captare l’umore materno. Lasciate il nervosismo fuori dalla porta e fate in modo che questa sia sempre una parentesi piacevole. Potrà comunque capitare che il vostro bimbo pianga e non gradisca i primi incontri con l’acqua. Niente panico!
Basterà non avere fretta e, nei primi tempi, ridurre la durata del bagnetto, senza mai trasmettere al piccolo la vostra preoccupazione. In queste situazioni i giochini da vasca fanno miracoli. In compagnia di buffi animaletti colorati, le cose andranno meglio in poco tempo. E poi il problema sarà quello di tirare fuori il vostro piccolo pesciolino dall’acqua!