<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=512899172469810&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

Tempo di lettura: 3 minuti

Con un bebè in casa aumenta la voglia di pulito e la necessità di sterilizzare i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno scaldabiberon e sterilizzatore due in uno può essere la soluzione smart sia per sterilizzare ciucci e biberon che per scaldare la pappa del neonato

Con l’arrivo del neonato le neomamme sono spesso prese dall’ansia per l’igiene e la pulizia, per la paura di infezioni e delle malattie. “Germi, microbi e batteri, state alla larga dal mio bebè! “ potrebbe essere il loro mantra.
E allora che fare? Qual è il giusto equilibrio tra pulizia ossessiva e una giusta igienizzazione? 

Se infatti da una parte il contatto con i germi estranei può essere utile in qualche misura per rinforzare il sistema immunitario dei piccoli, non bisogna rischiare di mettere in pericolo la loro salute esponendoli troppo presto e in modo eccessivo ad agenti potenzialmente infettanti.

Ecco perché si raccomanda ai genitori di mantenere un buon livello di pulizia in casa, soprattutto negli ambienti che più utilizzano i bimbi (cameretta, fasciatoio, bagno). Anche la sterilizzazione degli oggetti di uso comune è importante, anche se tutti gli esperti ci ricordano che non dovrebbe mai trasformarsi in un’ossessione.

Igienizzare senza esagerare

Ciucci, succhietti e biberon vanno sterilizzati seguendo un procedimento corretto che ne garantisca l’igiene specialmente per i primi 6 mesi del bebè, periodo in cui il suo sistema immunitario è ancora immaturo per combattere i nemici esterni.
Il consiglio è quello di sterilizzare gli oggetti ad ogni nuovo utilizzo, anche se per risparmiare tempo, se si ha a disposizione dei ricambi di ciucci o tettarelle, si può aspettare di sporcare alcuni pezzi per poi igienizzarli insieme una sola volta al giorno.

Quali sono i metodi per sterilizzare

Esistono diversi metodi per sterilizzare ciucci e biberon, alcuni più pratici e sicuri, altri più laboriosi.
Vediamoli nel dettaglio:

BOLLITURA

È il “rimedio della nonna” per eccellenza, che consiste nel bollire gli oggetti in una pentola di acqua bollente con il coperchio chiuso per una ventina di minuti. Bisogna fare attenzione a che restino ricoperti d’acqua per tutto il periodo e, al termine dell’operazione, occorre farli sgocciolare su un panno pulito senza toccarli con le mani. I biberon vanno poi rimontati dopo essersi lavati bene le mani e la tettarella deve essere girata verso l’interno del biberon, se non si vuole vanificare lo sforzo. Il rischio è però di dimenticarsi sul fuoco la pentola con gli oggetti che si potrebbero così danneggiare.

LAVASTOVIGLIE

Alcuni apparecchi più moderni sono dotati di programmi speciali per sterilizzare i prodotti dei neonati. Però certamente la lavastoviglie non è l’elettrodomestico dedicato ai soli oggetti del bebé.

STERILIZZATORE ELETTRICO

Probabilmente è il sistema per sterilizzare più usato dalle mamme, perché è senz’altro il più moderno, igienico, sicuro e comodo. Gli sterilizzatori elettrici sono apparecchi dalle dimensioni più diverse, di solito con più scomparti, in cui inserire i vari oggetti da pulire. Collegati a una presa di corrente, fanno tutto da soli nel giro di mezz’ora circa, anche se i tempi potrebbero essere diversi a seconda del prodotto. Lo sterilizzatore elettrico sfrutta la potenza del vapore: alla base viene caricata una piccola quantità di acqua che viene riscaldata per produrre vapore dal potere igienizzante. Ne esistono in commercio tantissimi modelli, ma molte mamme sono restie nell’acquistarne uno per il breve utilizzo che se ne fa.

Ecco perché un’idea furba è utilizzare uno strumento multifunzione come WARMY ADVANCED di Miniland, che è insieme scaldabiberon e sterilizzatore intelligente, due in uno. Permette di riscaldare e sterilizzare i biberon e ciucci in modo sicuro e naturale utilizzando il vapore acqueo ad alta temperatura e tra l’altro ha un design molto compatto, che permette di spostarlo facilmente da un angolo all’altro della casa. Può essere addirittura utilizzato in viaggio grazie all'adattore per l'uso in auto. Il Warmy Advanced inoltre potrà essere utilizzato facilmente nella fase di svezzamento del bambino per scongelare e riscaldare le monoporzioni di pappa conservate nei pratici contenitori. Quindi uno strumento multifunzione che offre un valido aiuto nel tempo.

scaldabiberon e sterilizzatore due in uno warmy advanced di miniland

Se invece preferite uno sterilizzatore dedicato a questa funzione e con la possibilità di igienizzare più oggetti contemporaneamente, potete considerare STEAMY che può sterilizzare sempre a vapore fino a 6 biberon contemporaneamente.

SUPER 6 completa la gamma dei prodotti Miniland con funzione di sterilizzazione. Infatti questo dispositivo multifunzione riscalda gradualmente biberon e omogenizzati, sterilizza e scongela al vapore fino a 6 biberon, cuoce uova e verdure al vapore preservandone le proprietà, mantiene la temperatura di biberon e omogenizzati...insomma che volere di più?

FORNO A MICROONDE

Anche in questo caso la sterilizzazione avviene grazie al vapore, ma attraverso un contenitore apposito da inserire nel forno a microonde domestico. Questo metodo ha il vantaggio di essere molto più veloce, ma bisogna fare attenzione al materiale degli oggetti che inseriamo nel forno. La plastica deve essere completamente priva di BPA e non devono mai entrare nel forno parti metalliche. Prima di cominciare bisogna assicurarsi poi che il nostro microonde sia ben pulito (cosa difficile da garantire  se viene utilizzato anche per cucinare o scaldare alimenti), anche se lo sterilizzatore è chiuso.

A FREDDO

Questo sistema prevede l’impiego di prodotti igienizzanti che vengono sciolti nell’acqua dove si immergono ciucci e biberon. Si tratta di pastiglie o liquidi chimici assolutamente innocui per il bambino, che non dovrebbero lasciare traccia sugli oggetti.

Qualsiasi metodo decidiate di utilizzare, ricordate di seguire sempre le indicazioni fornite dal produttore del ciuccio o dell’oggetto che volete sterilizzare, perché, a seconda del materiale, potrebbero esserci istruzioni diverse.