<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=626963990746485&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

Conservare gli alimenti del bambino in estate: tutto quello che devi sapere

Segui i nostri consigli per mantenere intatti i principi nutritivi degli alimenti e offrire al tuo piccolo pappe buone e sane!

Scritto da Miniland

giugno 7, 2017

Tempo di lettura: 3 minuti

Con l’arrivo dell’estate, i cibi freschi diventano più facilmente deperibili. Ecco perché è importante conoscere le regole fondamentali per conservarli nel migliore dei modi.

  • Quando arriva l’estate, conservare gli alimenti in modo corretto diventa più complicato. Da un lato, le alte temperature fanno sì che i cibi deperiscano più in fretta, se conservati fuori dal frigorifero; dall’altro, quando si sta in giro in vacanza, è difficile organizzarsi per conservare gli alimenti e cucinarli nel modo più idoneo.


 

Le cose si complicano per le famiglie con bambini piccoli, che hanno bisogno di mangiare sempre pappe nutrienti. Come sottolinea il Ministero della Salute sono proprio i bimbi, insieme agli anziani, che devono essere maggiormente tutelati: in estate le abitudini alimentari cambiano, e per i piccoli adattarsi a queste novità non è sempre semplice.

Se vuoi trascorrere un’estate serena, e conservare al meglio tutti i cibi necessari per far crescere il tuo piccolo sano e forte, segui i nostri consigli!

 Conservare gli alimenti del bambino in estate: tutto quello che devi sapere

Come conservare gli alimenti quando si è in giro in vacanza

Fino al 6° mese

Quando il bambino è ancora un lattante (quindi, prima dei sei mesi), il problema della conservazione degli alimenti non si pone: il latte della mamma è sempre della giusta temperatura.

Se allatti il piccolo con il latte artificiale, può esserti utile uno scaldabiberon portatile, che ti consente di riscaldare il latte in modo pratico ovunque tu sia.  

Dopo il 6° mese

Dopo i primi 6 mesi, finita la fase dell’allattamento, il bambino comincia a mangiare le prime pappe. Bisogna attrezzarsi in modo adeguato, magari utilizzando gli omogeneizzati di verdure o a base di carne e pesce.

Ricordati però che il piccolo dovrebbe stare lontano dalla spiaggia durante le ore più calde (che coincidono con quelle del pranzo): pertanto, quando arriva il momento di dargli da mangiare, dovresti già trovarti in un luogo adeguatamente attrezzato, come la cucina della tua casa vacanze o l’albergo in cui alloggiate.

La pappa si può anche preparare da casa: basta conservarla in appositi contenitori e, utilizzando uno scaldapappa portatile, potrà essere tranquillamente mangiata dal piccolo.  

D’estate, bisogna prestare particolare attenzione alla conservazione degli alimenti non solo al mare o in montagna, ma anche nella propria casa. Di seguito ti elenchiamo le regole fondamentali per la conservazione degli alimenti:

 

Regole generali per la conservazione degli alimenti

1 - Prepara il brodo vegetale in grandi quantità e frazionalo in recipienti ben chiusi da mettere nel freezer (perfetti quelli monoporzione, dal momento che il cibo che viene scongelato non può essere ricongelato). Ricordati che il brodo non va mai congelato bollente: lascialo raffreddare un po’ prima di riporlo. Quando lo devi scongelare, fallo direttamente nel pentolino. Inoltre, non riempire mai il recipiente fino all’orlo, perché quando il liquido si congela aumenta di volume. Anche il passato di verdura può essere facilmente congelato: basta conservarlo in recipienti ermetici adeguati.

2 - Quando si preparano alimenti con ingredienti più deperibili, come l'uovo, le verdure a foglia o gli ortaggi di radice, è preferibile consumare gli alimenti quanto prima, anche in meno di 24 ore. La zucca e la zucchina, invece, si mantengono in modo impeccabile: si prestano bene al congelamento e sono anche molto apprezzati dal piccolo.

3 - Il metodo di scongelamento più efficace è quello a vapore: scongela in modo uniforme conservando al meglio i nutrienti e il sapore.

4 - Non stipare troppo il frigo: devono rimanere degli spazi tra gli alimenti per permettere la circolazione.

5 - Ricordati che all’interno del frigorifero ci sono temperature diverse in base alla zona. Nei modelli di frigorifero più recenti c’è già un suggerimento su dove riporre gli alimenti: ci sarà quindi il cassetto per le verdure, quello per la frutta, quello per la carne. Le regole generali, comunque, sono le seguenti: carne e pesce nella parte più fredda del frigo (solitamente, quella più in basso, sopra il cassetto della verdura e della frutta), mentre la parte centrale del frigo è riservata a uova, yogurt, latte e formaggi.

 

Seguendo questi suggerimenti potrai prenderti cura dell’alimentazione del tuo bambino anche d’estate!


New Call-to-action