<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=626963990746485&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

I consigli per le mamme che vogliono lavorare da casa

Quando hai un figlio piccolo, lavorare da casa può essere una benedizione e, allo stesso tempo, una “condanna”! Hai la possibilità di gestire gli orari nel modo che ti è più comodo, ma trovare il giusto ritmo e riuscire a tenere separate vita lavorativa e vita familiare può diventare complicato.

Scritto da Miniland

gennaio 25, 2017

Tempo di lettura: 4 minuti

Di seguito ti forniamo alcuni consigli per organizzare il lavoro al meglio, in modo da essere efficiente e produttiva e, allo stesso tempo, continuare ad essere una mamma fantastica!

  • Riprendere a lavorare dopo aver avuto un figlio è sempre una sfida. Oggi, grazie a telelavoro e smart working, una mamma può scegliere di lavorare da casa, in modo da ottimizzare i tempi e trovare più facilmente un equilibrio che sia vantaggioso per tutta la famiglia.


A volte, però, lavorare da casa con un neonato accanto può non essere così semplice! Quando il piccolo piange, o quando vuole giocare con la sua mamma, le interruzioni possono essere frequenti. Ecco qualche consiglio che ti può aiutare a gestire la tua quotidianità tra lavoro e famiglia.

Regola numero 1: organizzazione!

Il lunedì mattina (oppure il venerdì pomeriggio) prenditi del tempo per pianificare le attività su cui concentrarti durante la settimana. Fissare gli obiettivi è fondamentale per non disperdere le energie e focalizzarti sui task veramente importanti!

Tanta flessibilità (e tanta pazienza!)

Hai pianificato le tue otto ore lavorative in ogni dettaglio, ti senti motivata e pronta a rispettare alla lettera il tuo programma di lavoro: arrivata alle sei di sera, però… ti rendi conto che hai portato a termine solo la metà di ciò che dovevi fare! È assolutamente normale: quando si lavora da casa insieme al proprio piccolo spesso le cose non vanno secondo i piani. Abituati a lavorare in orari “strani”, magari durante la notte, e non sentirti frustrata se non riesci a rispettare la tua agenda lavorativa: vedrai che con il tempo riuscirai a tener fede ai tuoi impegni, e la soddisfazione sarà davvero grande!

Lavora durante i sonnellini pomeridiani del bambino

È pomeriggio e il tuo bambino sta dormendo? La tentazione di imitarlo è forte, ma non farlo! Approfitta di queste ore per portarti avanti con il lavoro: avrai a disposizione un po’ di pace e tranquillità per concentrarti e portare a termine i task inconclusi.

I 6 consigli per mamme che vogliono lavorare da casa

Fissa delle regole per non confondere i ruoli

È una delle maggiori sfide per le mamme che lavorano da casa: riuscire a passare con disinvoltura dal ruolo di madre a quello di lavoratrice. Per facilitare questo compito, è importante fissare delle regole. Qualche esempio?

  • Non rispondere a email personali quando stai lavorando.
  • Tieni lontano lo smartphone quando stai giocando con il tuo bambino.
  • Allestisci una postazione lavoro in un angolo tranquillo della casa.
  • Non trascurare il tuo modo di vestire: a casa non si può lavorare con il tacco 12, ma questo non autorizza a rimanere in pigiama tutto il giorno! Trova la giusta via di mezzo: un abbigliamento comodo ma ordinato, che ti faccia sentire a tuo agio.

Seguendo questi semplici consigli riuscirai ad organizzarti meglio e, per il tuo piccolo, sarà più facile capire quando la mamma si sta dedicando completamente a lui e quando, invece, non bisogna disturbarla perché sta lavorando.

Sfrutta ogni momento

L’ideale sarebbe avere a disposizione il tempo necessario per dedicarsi a una cosa per volta, ma quando sei una mamma lavoratrice questo è molto difficile! Cerca di sfruttare al meglio ogni momento: ad esempio, il tragitto in auto da casa tua al supermercato può essere l’occasione giusta per fare quella telefonata di lavoro che hai rimandato per tutto il giorno (ovviamente usando le auricolari o il vivavoce!).

Chiedi un aiuto esterno

Se la tua casa è anche il tuo ufficio e se il tuo bambino è ancora piccolo, rivolgiti comunque a un aiuto esterno (come una baby sitter, oppure i nonni) a cui affidare il piccolo: avrai la certezza di poter contare su un supporto affidabile nei momenti in cui sei più impegnata con il lavoro.

Organizzazione, regole ferree e tanta pazienza: ecco i segreti per lavorare da casa nel modo migliore possibile!


emybaby