<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=626963990746485&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

I trucchi per conciliare lavoro e famiglia

La presentazione per il cliente da preparare, il bimbo da portare dal pediatra, la spesa, la cena, le pulizie di casa... sì, la vita di una mamma lavoratrice non è semplice!

Scritto da Miniland

febbraio 1, 2017

Tempo di lettura: 3 minuti

Se hai l’impressione di non riuscire a districarti tra i mille impegni che costellano la tua giornata tipo, ti proponiamo qualche “strategia di sopravvivenza” che ti aiuterà a conciliare lavoro e famiglia.

  • Nel periodo post gravidanza, la routine di una donna cambia repentinamente: i suoi ritmi si adeguano a quelli del piccolo, la sua quotidianità si trasforma in modo radicale. E quando si comincia a trovare un equilibrio… Ecco che la situazione cambia di nuovo, perché è già ora di rientrare in ufficio! E qui la situazione comincia a diventare tosta: conciliare lavoro e famiglia non è semplice, ci vogliono pazienza e nervi saldi.


 

Non disperare, una soluzione è possibile: di seguito ti forniamo qualche consiglio utile che ti aiuterà a gestire la routine quotidiana senza impazzire!

1- Coinvolgi il partner

Entrambi i partner dovrebbero partecipare attivamente alla cura del bambino e alla gestione della casa. Questo vale anche se tuo marito torna dal lavoro alle otto di sera, perché, anche in quel poco tempo in cui è a casa, può aiutarti in molte cose: sparecchiare la tavola, riempire la lavastoviglie, sistemare i giochi del piccolo… Piccoli gesti, ma che possono aiutarti a riprendere fiato.

Inoltre, l’aiuto del papà è fondamentale durante la notte. Se il bimbo piange è giusto che entrambi i coniugi si alternino per farlo riaddormentare: in questo modo riuscirai a riposare un po’ di più, e il giorno dopo affronterai la routine lavorativa con più energia!

2 - Richiedi l’aiuto dei nonni, di una baby sitter o dell’asilo nido

Un supporto per curare il piccolo quando sei in ufficio è davvero fondamentale. Non tutti possono permettersi asilo nido o baby sitter: in questo caso, l’appoggio dei nonni risulta più importante che mai per conciliare lavoro e famiglia!

3 - Trova il tuo metodo di organizzazione per pianificare al meglio le faccende di casa

Gestire la famiglia vuol dire anche gestire la casa: pulizia, spesa, preparazione dei pasti e chi più ne ha più ne metta (e, ovviamente, fare tutto questo quando hai anche un lavoro aumenta il coefficiente di difficoltà!).

Per non affaticarti e ottimizzare i tempi è meglio non farsi cogliere impreparate e trovare un metodo di organizzazione che ti permetta di sbrigare tutto il più velocemente possibile. A questo scopo, esistono numerosi planner gratuiti da scaricare e stampare, pensati appositamente per organizzare le faccende domestiche. E se carta e penna non fanno per te, scarica una delle tante app dedicate alla gestione dei lavori casalinghi.

I trucchi per conciliare lavoro e famiglia

4 - Fai affidamento sulle tue amiche

Non sottovalutare mai il potere della solidarietà tra amiche: chi ti vuole veramente bene sarà felice di aiutarti! Quando ti trovi in una situazione “di emergenza”, magari perché un intoppo ti ha trattenuto in ufficio, una telefonata all’amica per andare a casa tua e dare il cambio alla baby sitter può davvero salvare la situazione!

5 - E non dimenticarti della cosa più importante: il buon umore!

Tutto questo, ovviamente, deve essere condito con un ingrediente fondamentale: l’ironia. Impara a sdrammatizzare dei grandi/piccoli intoppi, dalla baby sitter che ha dato buca all’ultimo minuto alla macchia di omogeneizzato sul bavero della giacca che hai indossato per andare in riunione. Per aiutarti a vedere le cose secondo una prospettiva più leggera, tieni bene a mente che si tratta di un periodo temporaneo (è vero, a volte è difficile ricordarselo!): le corse contro il tempo, le scadenze, gli impegni che si sovrappongono, prima o poi diventeranno decisamente più gestibili, e conciliare lavoro e famiglia non sarà più un miraggio.

Inoltre, trovare del tempo per se stesse è essenziale per l’equilibrio mentale! Forse non riuscirai a partire quindici giorni per il mare, ma anche solo ritagliarti un’ora per una seduta dall’estetista, per un massaggio rilassante o semplicemente per un bel bagno caldo può aiutare a recuperare le energie e ritornare ad affrontare la tua quotidianità di mamma lavoratrice con il sorriso!


 

emybaby