<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=512899172469810&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Condividi

5 buoni motivi per trascorrere una gravidanza al mare

Il mare può essere un'ottima meta dove trascorrere l'ultimo trimestre di gravidanza (ma anche prima)

Scritto da Miniland

luglio 28, 2019

Tempo di lettura: 3 minuti

La gravidanza sotto l'ombrellone può essere un'ottima idea per svariati motivi. Qui sotto ne elenchiamo 5 principali che a noi piacciono.

Col pancione che diventa sempre più grande nei caldi mesi estivi, potreste avere momenti di stanchezza e scoramento, ma non preoccupatevi, esistono dei trucchetti per alleviare le seccature dell'estate e renderla un momento piacevole.

Se avete la fortuna di trascorrere la vostra gravidanza al mare, potrete sfruttare tutto ciò che di bello la vita da spiaggia ha da offrire a tutte le future mamme.
Molte di voi sanno infatti che estate fa rima con vacanza!

Rilassatevi e godetevi le vacanze!

Ecco 5 buoni motivi per cui godersi e rilassarsi una vacanza al mare  durante la gravidanza è davvero facile. A parte il caldo, una gravidanza “marina”  ha almeno 5 vantaggi. vediamoli uno ad uno:

  1. Potete stare sedute sul bagnasciuga e sentire l'acqua fresca che vi massaggia i piedi. La vacanza al mare è il momento perfetto per farlo. Approfittate di questo tempo in cui potete ancora rilassarvi e chiacchierare per tutta la giornata con le amiche, senza bebè da sorvegliare a vista!
  2. La vacanza è il momento migliore per un sonnellino magari in spiaggia sotto l'ombrellone con la brezza marina che vi accarezza la pelle, o magari a casa. E’ anche il momento perfetto da trascorrere con vostro marito e approfittare del tempo per stare insieme prima dell’arrivo della cicogna.  Mettetevi comodi e attivate il dispositivo SweetBeat per ascoltare insieme in tempo reale il rumore dei battiti cardiaci del piccolino ancora nel pancione. Coinvolgete anche i fratellini, i quali non si sentiranno esclusi dal nuovo arrivo ed inizieranno già ad amare quel cuoricino che batte. SweetBeat* regalerà a tutta la famiglia una magia che ricorderete per sempre grazie anche alla funzionalità di registrazione dei battiti cardiaci. Inoltre con l'app eMyBaby è possibile registrare come file audio i battiti del piccolo e condividerli con parenti e amici o farlo riascoltare al bebé, una volta nato, per calmarlo, come ninna-nanna.
  3. Stare al mare tutto il giorno lascia spazio e tempo per la lettura. Potrete finalmente divorare tutti i best seller dell’estate o affrontare finalmente i classici messi da parte, e mi raccomando, fatelo prima dell'arrivo del bambino, perché dopo tra poppate e ninne-nanne il tempo e la voglia di leggere scarseggerà.
  4. Una delle gioie dell'estate è gustare la ricca varietà di cibi buonissimi. Una volta arrivate al mare, preparate una bella cesta di frutta fresca di stagione da portare in spiaggia per voi e per tutta la famiglia.
  5. Se il sonno, il dolce far niente e la lettura vi rendono un po' irrequiete, c'è un ottimo modo per sfogare il bisogno di muoversi. Un esercizio leggero e sicuro per tutte le gravidanze: una bella e lunga passeggiata sulla spiaggia. Portate sempre con voi una buona protezione solare e vi godrete appieno il panorama e i suoni della natura.

sweetbeat-miniland

Esercizi da spiaggia per le future mamme

A proposito di passeggiate, camminare è l’esercizio più adatto per le donne incinte. È stimolante e al tempo stesso non richiede investimenti (tutto ciò che serve è un buon paio di scarpe e una bottiglia d'acqua). Inoltre, lo si può fare ovunque e in qualsiasi momento.

Come sostengono gli esperti, il movimento in gravidanza aiuta a mantenersi in forma e a prepararsi al parto. Ci sono anche altre attività indicate come il nuoto, aquagym e lo yoga in spiaggia, insomma tutti sport facili da svolgere al mare, da praticare con regolarità sempre senza esagerare, perché la vacanza per una donna incinta deve servire soprattutto per riposarsi e fare il pieno di energia per il futuro.

 

*Questo ascolta-battiti è conforme agli attuali standard di legge sui dispositivi medici e non deve mai sostituire un professionista sanitario.